ultimi articoli

Cat-calling

A cura di Ludovica Lasconi <<Possibile che nel 2021 succeda ancora il fenomeno del catcalling? Appena mi tolgo la...

How Bolsonaro sided with the virus in the war against Covid

A cura di Luca Cherubim Ferracuti On Tuesday, April 6th, Brazil became the second country in the world to...

IL PRINCIPE FILIPPO MOUNTBATTEN E LA REGINA ELISABETTA II-

LA STORIA D’AMORE PIU’ BELLA DI TUTTI I TEMPI A cura di Giulia Bove Il nato principe...

Salvataggi in Libia

A cura di Alessandro Colletta Si è conclusa la visita di Mario Draghi in Libia e il nostro premier...

Campagna elettorale 2.0

a cura di Angela Pastore 

 

E’ noto come i social network influiscano sulla nostra vita e come siano stati in grado di modificarla. Questo fenomeno ha condizionato anche il modo di fare campagna elettorale perché, all’utilizzo dei convenzionali mezzi di comunicazione, cioè radio, televisione e giornali, si è affiancato quello di Internet. Bisogna tener a mente che alla base di una campagna elettorale di successo c’è sempre un messaggio efficace e il modo più rapido per diffondere tale messaggio è sicuramente l’uso delle piattaforme social che permettono all’ attore politico di ottenere il consenso di un’ampia sfera pubblica facendo arrivare il proprio pensiero anche agli indecisi attraverso il valore delle proprie proposte e le testimonianze dei propri elettori. I siti web di networking permettono ai politici di avere un rapporto personale con gli utenti-elettori in un dialogo che sia interattivo e che azzeri le gerarchie creando una comunicazione a livello paritario, a differenza dei tradizionali mass media la cui comunicazione è principalmente top-bottom, quindi da uno a molti, con lo stesso messaggio indirizzato a tutta la popolazione. Nella comunicazione politica, Facebook e Twitter sono sicuramente i social network più utilizzati e devono far parte della strategia di comunicazione politica di un candidato, però sale sempre di più la valenza di Instagram e anche Linkedin. perché bisogna cercare di diversificare i canali di interazione per ampliare il proprio target. I partiti minori sono quelli che utilizzano meglio i social network, perché avendo meno opportunità di apparire nei programmi di punta della tv, utilizzano i social come strumento gratuito e altamente performante. Basti pensare che il Movimeto 5 Stelle ha acquisito la sua notorietà proprio sfruttando questo metodo di comunicazione: a una sostanziale indifferenza da parte dei media mainstream è corrisposta un’attenzione fitta ed estesa da parte della Rete. Non basta, dunque, accumulare followers, è importante coltivare e stimolare il loro consenso. A tale proposito Facebook ha dedicato una sezione alla spiegazione di come fare politica sui social a cui tutti possono accedere digitando il seguente link “https://it- it.facebook.com/business/a/politics-industry” dove viene spiegato come utilizzare al meglio la piattaforma pubblicando inserzioni oppure caricando i propri elenchi di indirizzi e-mail per creare un target personalizzato per i propri post. Altre importanti funzioni che Facebook mette a disposizione sono la creazione di eventi e le dirette live, importanti perché permettono un’interazione autogestita con il pubblico e soprattutto non intermediata dai giornalisti: va ricordato il grande uso fattone da Matteo Renzi durante la Presidenza del Consiglio e più di recente da Silvio Berlusconi durante le regionali siciliane. Anche Twitter gioca un ruolo importante nella comunicazione politica poiché permette a tutti in qualunque momento di esprimere un’opinione riguardo a qualsiasi tema. Attraverso il profilo twitter i candidati possono “cinguettare” gli aggiornamenti riguardanti la propria agenda oppure postare messaggi personalizzati, i quali nella maggior parte degli utenti creano empatia con il candidato, anche gli hashtag possono essere molto efficaci e far sentire i follower parte di una comunità, in tal modo questi saranno più invogliati a retwittare il post o a interagire. La comunicazione politica si è quindi adeguata ai tempi e ha cercato di sviluppare un rapporto più stretto con il proprio “target” per far in modo che i propri seguaci non siano solo follower ma anche “brand ambassador“, in grado di diffondere in prima persona la visione del mondo propria della parte politica che sostengono.

Latest Posts

Cat-calling

A cura di Ludovica Lasconi <<Possibile che nel 2021 succeda ancora il fenomeno del catcalling? Appena mi tolgo la...

How Bolsonaro sided with the virus in the war against Covid

A cura di Luca Cherubim Ferracuti On Tuesday, April 6th, Brazil became the second country in the world to...

IL PRINCIPE FILIPPO MOUNTBATTEN E LA REGINA ELISABETTA II-

LA STORIA D’AMORE PIU’ BELLA DI TUTTI I TEMPI A cura di Giulia Bove Il nato principe...

Salvataggi in Libia

A cura di Alessandro Colletta Si è conclusa la visita di Mario Draghi in Libia e il nostro premier...

DA NON PERDERE

Numero chiuso: un dibattito senza fine

A cura di Carlotta Gisonni La trepida attesa degli aspiranti camici bianchi per la pubblicazione della graduatoria nominativa nazionale...

Gioco di forza, oppure di debolezza?

A cura di Carlotta Gisonni Brescia, il marito le dà fuoco:45enne muore in ospedale una settimana dopo;Uccide il figlio...

Toponomastica femminile: intervista a Barbara Belotti

A cura di Oriana Balsamo e Marta Lembo   1. L’associazione Toponomastica Femminile riesce a divulgare il proprio messaggio in vari modi, tramite progetti che parlano di donne,...

L’ invenzione di sé

A cura di Carlotta Gisonni Non credo di riconoscermi a volteAllora provo ad inventarmiInventare, dal latino in-venire : trovare,...

Il rischio e la grazia dell’incontro: il cardinale Tauran, una vita per il dialogo interreligioso

A cura di Luca Bellardini     È stata la prima “voce” dell’attuale pontificato, quella che annunciò all’ecumene l’elezione di un papa venuto «quasi dalla fine del...