ultimi articoli

Speciale Elezioni Politiche 2022

A cura di Elio Simone La Gioia & Alessandro Colletta Oggi si vota per rinnovare la Camera dei Deputati...

Ambiente, una vittima silenziosa della guerra

A cura di Ilaria Mitrugno Nonostante non occupi più le prime pagine dei giornali, la guerra in Ucraina continua...

Genocidio Russo in Ucraina

Perché, se le cose peggiorassero, la colpa sarebbe nostra Il 24 febbraio 2022, come tutti noi sappiamo, le truppe...

91 volte Hamilton

A cura di Valerio Francesco Silenzi

Lewis Hamilton entra di nuovo nella storia. Vincendo il Gran Premio di Eifel il pilota britannico della Mercedes eguaglia il record di 91 vittorie di Michael Schumacher in Formula 1. Dopo una gara che non è stata mai in discussione, Hamilton è salito per la novantunesima volta sul gradino più alto del podio ma prima di farlo ha ricevuto il casco dell’asso tedesco ai tempi della Mercedes direttamente dal figlio di Michaal, Mick, che posterà in seguito sui social una fotografia dell’evento accompagnata da una frase di congratulazioni: “Grandi complimenti a Lewis, questo è l’impressionante risultato ottenuto da un pilota davvero eccezionale. Non possiamo negare che ci sarebbe piaciuto che Michael fosse ancora il detentore di tale record, ma come lui stesso diceva sempre: i record sono fatti per essere battuti.”
Questo record è servito a coronare la carriera di un grande campione che, a differenza della maggior parte dei suoi colleghi, è venuto dal nulla ed è arrivato ai vertici della Formula 1 solo grazie alle sue forze e quelle di suo padre che ha dedicato tutto sé stesso per alimentare i sogni del figlio.
Tuttavia, questa vittoria lascia qualche perplessità e soprattutto non rende questo evento sensazionale come dovrebbe. Infatti, nonostante le qualità indiscutibili di Hamilton come pilota, questo risultato arriva dopo sei anni dall’introduzione del motore turbo ibrido e dopo sei anni di assoluta supremazia Mercedes dove, tranne rare eccezioni, la vittoria al titolo di uno dei due piloti della scuderia tedesca era inevitabile. Quindi mentre il raggiungimento del record di Schumacher è sembrato più “sudato”, vista la maggiore competitività delle scuderie rivali, il traguardo di Hamilton appare quasi scontato, nonostante, ripetiamo, il talento enorme e indiscutibile del pilota.
A questo punto sembra d’obbligo fare una riflessione da appassionato di Formula 1: è una buona idea continuare con questo regolamento che permette ormai da anni ad una scuderia di avere un distacco irraggiungibile e che con la macchina vincente taglia il traguardo, non più con qualche secondo di vantaggio, ma con spesso almeno un giro avanti a tutti gli altri minimizzando il valore dei piloti in confronto a quello della monoposto? I dati dicono di no.

Latest Posts

Speciale Elezioni Politiche 2022

A cura di Elio Simone La Gioia & Alessandro Colletta Oggi si vota per rinnovare la Camera dei Deputati...

Ambiente, una vittima silenziosa della guerra

A cura di Ilaria Mitrugno Nonostante non occupi più le prime pagine dei giornali, la guerra in Ucraina continua...

Genocidio Russo in Ucraina

Perché, se le cose peggiorassero, la colpa sarebbe nostra Il 24 febbraio 2022, come tutti noi sappiamo, le truppe...

DA NON PERDERE

Ripartiamo (o azzeriamo) scuola e università

A cura di Elio Simone La Gioia “Ripartiamo dalla scuola e dall’università!”. Queste poche parole bastano a politici ed...

Nasce la giornata nazionale degli studenti universitari

A cura di Matteo Lombardi Nasce il Comitato Promotore della prima giornata nazionale degli studenti universitari, su proposta di...

Resistenza a pubblico ufficiale in stato di ubriachezza: profili riguardanti la colpevolezza e l’esclusione della punibilità ai sensi dell’art. 131 bis c.p.

A cura di Francesca Parlangeli Il delitto di resistenza a pubblico ufficiale disciplinato ai sensi dell’art. 337 c.p. prevede...

AMORE E PSICHE OGGI: L’OGGETTIVIZZAZIONE DELLA PERSONA UMANA.

A cura di Francesco Ferrari Quante volte avete sentito elencare le caratteristiche di una persona come se fossero gli...

ISRAELE E PALESTINA: UNA FERITA CHE NON SI RIMARGINA

Vorrei fare una premessa a questo articolo: è inevitabile essere di parte quando si riconosce chi è l’oppresso e chi l’oppressore. Mi...