ultimi articoli

AMORE E PSICHE OGGI: L’OGGETTIVIZZAZIONE DELLA PERSONA UMANA.

A cura di Francesco Ferrari Quante volte avete sentito elencare le caratteristiche di una persona come se fossero gli...

ISRAELE E PALESTINA: UNA FERITA CHE NON SI RIMARGINA

Vorrei fare una premessa a questo articolo: è inevitabile essere di parte quando si riconosce chi è l’oppresso e chi l’oppressore. Mi...

Beppe Grillo e il victim blaming

A cura di Ludovica Lasconi e Alessandro Colletta “Victim-blaming e cultura dello stupro sono superficialmente considerate l’ennesima scusa utilizzata...

L’esilio: Lo sradicamento nella letteratura, nella storia e nella modernità

Il sentimento di amore verso la propria patria è sempre stato oggetto di nobili ideali. Cosa sarebbe l’uomo senza il senso di...

Libano: il fallimento di uno stato

A cura di Asia Palla e Fabiana Masala

La notte del 17 Ottobre 2019, ha avuto inizio la rivoluzione sociale in Libano. Persone appartenenti a sette diverse, con ideali contrapposti, generazioni e classi di tutti i tipi, accomunate da un unico sentimento, per ribaltare le sorti della nazione, stanche della condotta del governo, corrotto e iniquo fin dal suo stabilirsi: ad aggravare il tutto è la frammentazione dello stesso, alla continua ricerca di favoritismi, derivanti dalle alleanze strette con le potenze internazionali e locali.
Il clima di forte tensione non mostra alcun bagliore di una soluzione, quantomeno parziale, alle varie problematiche. Il popolo è stanco dell’immobilismo del governo, e questo lo è a sua volta, dal momento che, forse per la prima volta nella storia delle rivoluzioni del paese, risulta essere impotente: neanche più la repressione con la forza riesce a inibire le masse protestanti.
Se mai vi domandaste se tutto il mondo sia a conoscenza della questione, la risposta è sicuramente no; la maggior parte di giornali, riviste, canali radio, nonché gran parte del web, si limita a riportare le canoniche notizie ilari del giorno, tralasciando molto spesso quella che è la vita contingente. La realtà è molto altro: è anche conoscere la sofferenza, la perdita dei punti di riferimento, il tradimento di una nazione.
Il sistema politico settario vige dagli anni ’90, anni solcati solo ed esclusivamente da una successione sistematica delle medesime élite al potere: in particolare, possiamo individuare diciotto sette ufficialmente riconosciute, che rappresentano uno dei motivi principe della protesta. I manifestanti, infatti, chiedono la rimozione di tali élite, ma soprattutto lottano per la revisione del sistema di suddivisione del potere. Tutto ciò è grave e non solo a livello ideologico: l’inefficienza governativa si proietta su dati e accadimenti che hanno segnato, e che tutt’ora segnano, il paese. Ricordiamo, ad esempio, la fortissima esplosione avvenuta il 4 Agosto 2020 nel porto di Beirut, causata da prodotti chimici illegalmente conservati per troppo tempo: le forze al potere, per la loro negligenza, non li hanno dislocati altrove. Conseguenze di ciò non sono state soltanto le migliaia di morti e feriti, che hanno portato al sovraffollamento degli ospedali, ma anche i forti terremoti causati dall’esplosione, l’elevata presenza di nitriti tossici nell’aria, il debito pubblico salito a più di 15 miliardi, i disturbi post-traumatici.
Ad oggi la situazione non è migliorata: la tassa di cambio valuta è aumentata a dismisura (LBP/USD: da 1,507.5 a 8,000), la povertà ha subito un incremento di percentuale dal 28% al 55%n insieme all’inflazione degli alimenti che ha subito picchi elevatissimi (dal 1.18% al 367%); sono stati imposti limiti nel prelievo di LBP ed è stato vietato prelevare in dollari; infine, Hariri, uno dei leader politici più influenti, dimessosi il 29 Ottobre dell’anno scorso, si sta ora preparando per tornare in campo.
Visti e considerati i dati trascritti, e dopo aver informato, nel nostro piccolo, sull’argomento, il nostro invito è in primis quello di sensibilizzare il più possibile alla lettura e alla successiva conoscenza di nuove tematiche.

Latest Posts

AMORE E PSICHE OGGI: L’OGGETTIVIZZAZIONE DELLA PERSONA UMANA.

A cura di Francesco Ferrari Quante volte avete sentito elencare le caratteristiche di una persona come se fossero gli...

ISRAELE E PALESTINA: UNA FERITA CHE NON SI RIMARGINA

Vorrei fare una premessa a questo articolo: è inevitabile essere di parte quando si riconosce chi è l’oppresso e chi l’oppressore. Mi...

Beppe Grillo e il victim blaming

A cura di Ludovica Lasconi e Alessandro Colletta “Victim-blaming e cultura dello stupro sono superficialmente considerate l’ennesima scusa utilizzata...

L’esilio: Lo sradicamento nella letteratura, nella storia e nella modernità

Il sentimento di amore verso la propria patria è sempre stato oggetto di nobili ideali. Cosa sarebbe l’uomo senza il senso di...

DA NON PERDERE

Non donna di provincie, ma…

L’Italia ancora una volta si ritrova divisa. Una divisione profonda e netta tra governo e cittadini, tra negazionisti e chi invece sostiene l’esistenza del virus, tra chi protesta in piazza e chi invece, guarda dall’alto dei balconi, tra chi è a favore dei nuovi decreti-legge e chi, invece, si vede sottratta la propria libertà ed il proprio lavoro.

91 volte Hamilton

A cura di Valerio Francesco Silenzi Lewis Hamilton entra di nuovo nella storia. Vincendo...

Aosta: Il giuramento di Ippocrate oltre la legislazione

A cura di Sara Cortellesa È successo ad Aosta, precisamente nell'ospedale Parini: Gianluca Iob medico-chirurgo...

L’alba di un nuovo Medio Oriente: gli Accordi di Abramo e la voce dell’Arabia Saudita

A cura di Federico Esposito "Enorme svolta oggi! Storico accordo di pace tra due...

Libano: il fallimento di uno stato

A cura di Asia Palla e Fabiana Masala La notte del 17 Ottobre 2019,...