ultimi articoli

Speciale Elezioni Politiche 2022

A cura di Elio Simone La Gioia & Alessandro Colletta Oggi si vota per rinnovare la Camera dei Deputati...

Ambiente, una vittima silenziosa della guerra

A cura di Ilaria Mitrugno Nonostante non occupi più le prime pagine dei giornali, la guerra in Ucraina continua...

Genocidio Russo in Ucraina

Perché, se le cose peggiorassero, la colpa sarebbe nostra Il 24 febbraio 2022, come tutti noi sappiamo, le truppe...

Gigi Proietti

A cura di Greta Di Cicco

Una lunghissima carriera, partita come si faceva una volta: da una dura gavetta, costellata di successi, interpretazioni magistrali, ruoli carichi di umanità. Gigi Proietti è stato un artista multiforme, istrionico, affabulatore, trasformista, geniale, camaleontico, a volte dissacrante. Ci ha fatto ridere, riflettere, commuovere con una personale autenticità che riusciva a creare una profonda empatia con il pubblico. La sua romanità mai sguaiata, anche quando calcava la mano su tratti tipici del popolo dell’Urbe, riusciva a coinvolgere anche chi romano non è. L’amore per il teatro testimonia l’essenza dell’essere attore. Sul palco, in diretta, senza sovrastrutture, si mostrava al pubblico senza filtri, perché come afferma Shakespeare : “All the world’s a stage”.In TV, il Maresciallo Rocca è stato il padre, l’amico, il tutore dell’ordine, che ognuno vorrebbe incontrare nella propria vita. Bruno Palmieri, il giornalista che ogni lettore vorrebbe leggere in cronaca. Gigi ci lascia a 80 anni, a causa di uno scompenso cardiaco. Sembra quasi una delle sue barzellette, nella serie “Una pallottola nel cuore” era proprio il suo cuore a dargli tanti problemi. E la pallottola della vita questa volta lo ha portato via per davvero. Ma credo vada sottolineata la straordinaria interpretazione di un cameo cinematografico: il Mangiafuoco del “Pinocchio” di Matteo Garrone, uscito nel dicembre 2019. La scena in cui Gigi Proietti incarna il personaggio del burattinaio burbero, dall’aspetto spaventoso che si intenerisce di fronte al piccolo bambino di legno colpisce al cuore. Gli occhi non mentono ed è facile perdersi nella dolcezza degli occhi del “nonno” Mangiafuoco- Proietti che consegna al piccolo Pinocchio il suo futuro, il suo riscatto attraverso gli zecchini d’oro, forieri di un messaggio di speranza nel possibile cambiamento del destino umano. Ripensando a quella scena breve, ma intensissima la si potrebbe interpretare come un piccolo testamento artistico del grande Gigi: la bellezza dell’arte che può a volte salvarci dalle bruttezze della realtà.Gigi abbandona questo sipario per andare ad esibirsi su un palcoscenico tutto da scoprire. Ovunque sia diretto, è certo che riuscirà a far sorridere i suoi nuovi spettatori. Si rischia che il naufragio dell’oblio possa far dimenticare la sua scomparsa, ma la sua arte farà riecheggiare il suo ricordo per sempre. Un altro meraviglioso, indissolubile frammento di Roma e di romanità ci lascia. E stavolta no, purtroppo nessuno sta ridendo. “Che la battuta sia con te”! Il tuo ultimo coup de théâtre? Nascere e morire lo stesso giorno, degno della migliore Mandrakata.Ciao Gigi, buon viaggio.

Latest Posts

Speciale Elezioni Politiche 2022

A cura di Elio Simone La Gioia & Alessandro Colletta Oggi si vota per rinnovare la Camera dei Deputati...

Ambiente, una vittima silenziosa della guerra

A cura di Ilaria Mitrugno Nonostante non occupi più le prime pagine dei giornali, la guerra in Ucraina continua...

Genocidio Russo in Ucraina

Perché, se le cose peggiorassero, la colpa sarebbe nostra Il 24 febbraio 2022, come tutti noi sappiamo, le truppe...

DA NON PERDERE

Ripartiamo (o azzeriamo) scuola e università

A cura di Elio Simone La Gioia “Ripartiamo dalla scuola e dall’università!”. Queste poche parole bastano a politici ed...

Nasce la giornata nazionale degli studenti universitari

A cura di Matteo Lombardi Nasce il Comitato Promotore della prima giornata nazionale degli studenti universitari, su proposta di...

Resistenza a pubblico ufficiale in stato di ubriachezza: profili riguardanti la colpevolezza e l’esclusione della punibilità ai sensi dell’art. 131 bis c.p.

A cura di Francesca Parlangeli Il delitto di resistenza a pubblico ufficiale disciplinato ai sensi dell’art. 337 c.p. prevede...

AMORE E PSICHE OGGI: L’OGGETTIVIZZAZIONE DELLA PERSONA UMANA.

A cura di Francesco Ferrari Quante volte avete sentito elencare le caratteristiche di una persona come se fossero gli...

ISRAELE E PALESTINA: UNA FERITA CHE NON SI RIMARGINA

Vorrei fare una premessa a questo articolo: è inevitabile essere di parte quando si riconosce chi è l’oppresso e chi l’oppressore. Mi...