ultimi articoli

COSA SUCCEDEREBBE SE…il rovesciamento dei ruoli nelle cronache di violenza

A cura di Silvia Familiari L’arte, da sempre, nasce dalla necessità di descrivere la realtà, esponendone le criticità, con...

L’ambiente tra grecità e Cristianesimo

A cura di Luigi Falaschetti Negli ultimi anni l’emergenza climatica ha cambiato profondamente le aspettative della nostra società, e il concetto...

Speciale Elezioni Politiche 2022

A cura di Elio Simone La Gioia & Alessandro Colletta Oggi si vota per rinnovare la Camera dei Deputati...

Ambiente, una vittima silenziosa della guerra

A cura di Ilaria Mitrugno Nonostante non occupi più le prime pagine dei giornali, la guerra in Ucraina continua...

Il Re Del Terrore

A cura di Greta Di Cicco

Il prossimo 31/12/2020 è prevista l’uscita della pellicola “Diabolik”, prodotta dai Manetti Bros in collaborazione con RAI Cinema. Luca Marinelli indosserà i panni del Re del Terrore, occhi di ghiaccio, tuta nera e coltello affilato, l’affascinante e magnetica Miriam Leone interpreterà Eva Kant e Valerio Mastrandea sarà il granitico Ispettore Ginko.

Il 1° novembre 1962 usciva nelle edicole italiane il primo numero di Diabolik. Sulla copertina due occhi minacciosi ed una donna urlante in preda al terrore.
Questo fumetto che compie ben 58 anni, il cui protagonista è un ladro spietato e charmant, ha due “mamme”. Ebbene sì, le creatrici di questo personaggio capace di furti incredibili , che non esita ad uccidere e compie fughe rocambolesche, sono due sorelle della buona borghesia milanese, Angela e Luciana Giussani.
Angela, in particolare, ebbe l’ispirazione durante i suoi viaggi quotidiani in treno, tra attese e ritardi delle Ferrovie Nord, di creare un fumetto in formato tascabile che fosse comodo ed avvincente al tempo stesso.
Dal numero di marzo 1963, il colpo di genio delle sorelle Giussani, fu di dare a Diabolik una “partner in crime” speciale: Eva Kant, bellissima, affascinante, sofisticata, colta e misteriosa.
Dal momento in cui gli occhi di ghiaccio di Diabolik incontrano quelli verde smeraldo di Eva, nasce una coppia unita ed indivisibile.
Eva è a buon diritto la co-protagonista del fumetto, non riveste ruoli decorativi, ma affianca il suo uomo in ogni situazione, non è una semplice esecutrice, ma partecipa attivamente all’ideazione ed alla realizzazione dei piani criminali. In molte occasioni salva letteralmente la vita del suo uomo, in altre prende decisioni che si rivelano fondamentali per la riuscita del colpo progettato.
Ciò che affascina realmente chi legge, soprattutto se donne (e sono davvero numerose), è il fatto che dietro le azioni criminali raccontate, a volte efferate, c’è una vera storia d’amore, intensa, travolgente, che resiste all’usura del tempo, anzi, per certi versi, ne viene rafforzata.
In più occasioni i due protagonisti sono disposti a morire l’uno per l’altra in quanto consapevoli di non poter sopravvivere in caso di perdita reciproca. Tra un colpo e l’altro, tra congegni sofisticati, rifugi ipertecnologici, maschere e trasformazioni stupefacenti, non mancano momenti di vera passione, di tenerezza, d’amore tra Eva e Diabolik.

L’antagonista della coppia di ladri è l’Ispettore Ginko, un uomo incorruttibile, serio, competente, che dedica tutte le sue energie alla cattura dei due criminali. Anche Ginko è profondamente innamorato di una donna straordinaria, Altea, Contessa di Vallenberg, ma ama il suo lavoro e sceglie di sacrificare il suo privato. E’ un uomo estremamente intelligente, intuitivo. In molte occasioni riesce a sventare i colpi di Diabolik ed Eva, a volte anche ad arrestare uno dei due o entrambi, anche se alla fine in qualche modo, i due protagonisti riescono a salvarsi.
Tra Diabolik e Ginko comunque c’è “stima” reciproca, sono entrambi uomini forti, estremamente acuti, solidi nelle proprie convinzioni, si studiano da anni e conoscono il modus operandi l’uno dell’altro. In qualche occasione i due hanno persino collaborato contro trafficanti di droga, multinazionali senza scrupoli, organizzazioni terroristiche. Sembra assurdo, ma è così! Diabolik e Ginko sono “moralmente” onesti, il Re del Terrore ha un proprio codice d’onore che lo porta a non voler danneggiare mai i deboli, gli indifesi, i bambini….

Nel corso degli anni le storie dei personaggi del fumetto si sono adeguate ai cambiamenti sociali e continuano per questo ad essere attuali, anche dopo ben 58 anni e speriamo per molto tempo ancora.
Tutti gli appassionati aspettano con trepidazione l’uscita della pellicola sul Re del Terrore il prossimo 31 dicembre, nella speranza che la situazione attuale sia migliorata e che si possa tornare a godere del piacere di andare al cinema!

Latest Posts

COSA SUCCEDEREBBE SE…il rovesciamento dei ruoli nelle cronache di violenza

A cura di Silvia Familiari L’arte, da sempre, nasce dalla necessità di descrivere la realtà, esponendone le criticità, con...

L’ambiente tra grecità e Cristianesimo

A cura di Luigi Falaschetti Negli ultimi anni l’emergenza climatica ha cambiato profondamente le aspettative della nostra società, e il concetto...

Speciale Elezioni Politiche 2022

A cura di Elio Simone La Gioia & Alessandro Colletta Oggi si vota per rinnovare la Camera dei Deputati...

Ambiente, una vittima silenziosa della guerra

A cura di Ilaria Mitrugno Nonostante non occupi più le prime pagine dei giornali, la guerra in Ucraina continua...

DA NON PERDERE

Ripartiamo (o azzeriamo) scuola e università

A cura di Elio Simone La Gioia “Ripartiamo dalla scuola e dall’università!”. Queste poche parole bastano a politici ed...

Nasce la giornata nazionale degli studenti universitari

A cura di Matteo Lombardi Nasce il Comitato Promotore della prima giornata nazionale degli studenti universitari, su proposta di...

Resistenza a pubblico ufficiale in stato di ubriachezza: profili riguardanti la colpevolezza e l’esclusione della punibilità ai sensi dell’art. 131 bis c.p.

A cura di Francesca Parlangeli Il delitto di resistenza a pubblico ufficiale disciplinato ai sensi dell’art. 337 c.p. prevede...