ultimi articoli

COSA SUCCEDEREBBE SE…il rovesciamento dei ruoli nelle cronache di violenza

A cura di Silvia Familiari L’arte, da sempre, nasce dalla necessità di descrivere la realtà, esponendone le criticità, con...

L’ambiente tra grecità e Cristianesimo

A cura di Luigi Falaschetti Negli ultimi anni l’emergenza climatica ha cambiato profondamente le aspettative della nostra società, e il concetto...

Speciale Elezioni Politiche 2022

A cura di Elio Simone La Gioia & Alessandro Colletta Oggi si vota per rinnovare la Camera dei Deputati...

Ambiente, una vittima silenziosa della guerra

A cura di Ilaria Mitrugno Nonostante non occupi più le prime pagine dei giornali, la guerra in Ucraina continua...

20 Aprile 1998

A cura di Irene Battistoni

Il 20 aprile del 1998, nell’aula bunker del Foro Italico di Roma, si aprì il processo per l’omicidio di Marta Russo. Il caso, noto anche come “delitto alla Sapienza”, riguardava una studentessa ventiduenne di giurisprudenza, la quale era stata colpita da un proiettile alla nuca, mentre passeggiava con un’amica lungo un viale dell’università romana.

L’autore materiale venne individuato nella persona di Giovanni Scattone, giovane assistente universitario, il quale secondo gli inquirenti avrebbe fatto partire il colpo dall’aula 6 dell’Istituto di Filosofia del diritto, sulla cui finestra furono rinvenute tracce significative di polvere da sparo.

In tutti i gradi di giudizio, sia Scattone che il suo complice Salvatore Ferraro, anch’egli assistente, negarono non solo di aver commesso l’omicidio, ma anche di essere stati effettivamente presenti nell’aula 6 quella mattina.

Inoltre, l’arma del delitto non venne mai ritrovata e mancava altresì un preciso movente, dal momento che i due imputati non conoscevano la ragazza. Per l’accusa il movente c’era ed era proprio la sua assenza, il cosiddetto “delitto perfetto”: i due avrebbero commesso il fatto con l’intento di dimostrare lo scenario teorico, studiato nel corso di filosofia del diritto, ovvero che si può uccidere senza essere scoperti. Tra le carte sequestrate ai due assistenti vi erano, peraltro, testi dal titolo “Uccidere e lasciare morire” e “Licenza di uccidere”. Alla fine tuttavia, i giudici credettero all’ipotesi del colpo partito per sbaglio.

Il 15 dicembre del 2003, dopo più di 6 anni dall’omicidio di Marta Russo, la quinta sezione penale della Cassazione ha condannato Giovanni Scattone a 5 anni e 4 mesi per omicidio colposo aggravato e Salvatore Ferraro a 2 anni e 3 mesi per favoreggiamento personale.

Latest Posts

COSA SUCCEDEREBBE SE…il rovesciamento dei ruoli nelle cronache di violenza

A cura di Silvia Familiari L’arte, da sempre, nasce dalla necessità di descrivere la realtà, esponendone le criticità, con...

L’ambiente tra grecità e Cristianesimo

A cura di Luigi Falaschetti Negli ultimi anni l’emergenza climatica ha cambiato profondamente le aspettative della nostra società, e il concetto...

Speciale Elezioni Politiche 2022

A cura di Elio Simone La Gioia & Alessandro Colletta Oggi si vota per rinnovare la Camera dei Deputati...

Ambiente, una vittima silenziosa della guerra

A cura di Ilaria Mitrugno Nonostante non occupi più le prime pagine dei giornali, la guerra in Ucraina continua...

DA NON PERDERE

Ripartiamo (o azzeriamo) scuola e università

A cura di Elio Simone La Gioia “Ripartiamo dalla scuola e dall’università!”. Queste poche parole bastano a politici ed...

Nasce la giornata nazionale degli studenti universitari

A cura di Matteo Lombardi Nasce il Comitato Promotore della prima giornata nazionale degli studenti universitari, su proposta di...

Resistenza a pubblico ufficiale in stato di ubriachezza: profili riguardanti la colpevolezza e l’esclusione della punibilità ai sensi dell’art. 131 bis c.p.

A cura di Francesca Parlangeli Il delitto di resistenza a pubblico ufficiale disciplinato ai sensi dell’art. 337 c.p. prevede...