ultimi articoli

Il ruolo dei partiti nella guerra di Putin

A cura di Federica Panzarella Da quando la Guerra ha avuto inizio, opinionisti e studiosi di “geopolitica” hanno fatto...

A Roma decine di monumenti sono chiusi al pubblico

A cura di Filippo Blasi Il primo miglio dell’Appia antica come oggi ci appare è segnato da una...

Il Carnevale Di Ivrea: una Battaglia che si tinge di arancio

A cura di Alessia Canuto. Le origini del Carnevale di Ivrea risalgono al Medioevo. La comunità di Ivrea, in...

EUTANASIA: NEL LIMBO DI UNA SENTENZA

A cura di Enrica Vacca. Il 15 Febbraio 2022, la Corte Costituzionale giudica inammissibile il referendum sull’eutanasia legale, per...

20 Aprile 1998

A cura di Irene Battistoni

Il 20 aprile del 1998, nell’aula bunker del Foro Italico di Roma, si aprì il processo per l’omicidio di Marta Russo. Il caso, noto anche come “delitto alla Sapienza”, riguardava una studentessa ventiduenne di giurisprudenza, la quale era stata colpita da un proiettile alla nuca, mentre passeggiava con un’amica lungo un viale dell’università romana.

L’autore materiale venne individuato nella persona di Giovanni Scattone, giovane assistente universitario, il quale secondo gli inquirenti avrebbe fatto partire il colpo dall’aula 6 dell’Istituto di Filosofia del diritto, sulla cui finestra furono rinvenute tracce significative di polvere da sparo.

In tutti i gradi di giudizio, sia Scattone che il suo complice Salvatore Ferraro, anch’egli assistente, negarono non solo di aver commesso l’omicidio, ma anche di essere stati effettivamente presenti nell’aula 6 quella mattina.

Inoltre, l’arma del delitto non venne mai ritrovata e mancava altresì un preciso movente, dal momento che i due imputati non conoscevano la ragazza. Per l’accusa il movente c’era ed era proprio la sua assenza, il cosiddetto “delitto perfetto”: i due avrebbero commesso il fatto con l’intento di dimostrare lo scenario teorico, studiato nel corso di filosofia del diritto, ovvero che si può uccidere senza essere scoperti. Tra le carte sequestrate ai due assistenti vi erano, peraltro, testi dal titolo “Uccidere e lasciare morire” e “Licenza di uccidere”. Alla fine tuttavia, i giudici credettero all’ipotesi del colpo partito per sbaglio.

Il 15 dicembre del 2003, dopo più di 6 anni dall’omicidio di Marta Russo, la quinta sezione penale della Cassazione ha condannato Giovanni Scattone a 5 anni e 4 mesi per omicidio colposo aggravato e Salvatore Ferraro a 2 anni e 3 mesi per favoreggiamento personale.

Latest Posts

Il ruolo dei partiti nella guerra di Putin

A cura di Federica Panzarella Da quando la Guerra ha avuto inizio, opinionisti e studiosi di “geopolitica” hanno fatto...

A Roma decine di monumenti sono chiusi al pubblico

A cura di Filippo Blasi Il primo miglio dell’Appia antica come oggi ci appare è segnato da una...

Il Carnevale Di Ivrea: una Battaglia che si tinge di arancio

A cura di Alessia Canuto. Le origini del Carnevale di Ivrea risalgono al Medioevo. La comunità di Ivrea, in...

EUTANASIA: NEL LIMBO DI UNA SENTENZA

A cura di Enrica Vacca. Il 15 Febbraio 2022, la Corte Costituzionale giudica inammissibile il referendum sull’eutanasia legale, per...

DA NON PERDERE

L’esilio: Lo sradicamento nella letteratura, nella storia e nella modernità

Il sentimento di amore verso la propria patria è sempre stato oggetto di nobili ideali. Cosa sarebbe l’uomo senza il senso di...

Aquiloni

Greta Di Cicco Hai presente gli aquiloni?

Buongiorno vita – l’evento

A cura di Greta Di Cicco Ieri, 22 aprile 2021, il cantante romano Ultimo ha incantato il Colosseo col...

COLPEVOLE, COLPEVOLE, COLPEVOLE

A cura di Valerio Francesco Silenzi Il 25 maggio 2020 veniva ucciso George Floyd. La goccia che ha fatto...

Tik Tok: l’altra faccia della medaglia Intervista ad Andrea Paolini.

A cura di Sara Cortellessa Un social arrivato direttamente dalla Cina, lanciato inizialmente nel 2016 con il nome Musical.ly,...