ultimi articoli

Ripartiamo (o azzeriamo) scuola e università

A cura di Elio Simone La Gioia “Ripartiamo dalla scuola e dall’università!”. Queste poche parole bastano a politici ed...

Nasce la giornata nazionale degli studenti universitari

A cura di Matteo Lombardi Nasce il Comitato Promotore della prima giornata nazionale degli studenti universitari, su proposta di...

Resistenza a pubblico ufficiale in stato di ubriachezza: profili riguardanti la colpevolezza e l’esclusione della punibilità ai sensi dell’art. 131 bis c.p.

A cura di Francesca Parlangeli Il delitto di resistenza a pubblico ufficiale disciplinato ai sensi dell’art. 337 c.p. prevede...

LA SUPERLEGA, UN BENE O UN MALE PER IL CALCIO?

A cura di Valerio Francesco Silenzi

Una notte, quella tra il 18 e il 19 aprile 2021, che verrà ricordata come la notte che ha rivoluzionato il calcio come lo conosciamo noi oggi. Nasce la Superlega, una competizione formata da quindici club fondatori alla quale si aggregheranno cinque squadre “invitate”, per un totale di venti. I club che hanno aderito (per ora dodici) provengono da tre nazioni diverse: Italia, Spagna e Inghilterra. Queste squadre sono: Juventus, Milan, Inter, Real Madrid, Atletico Madrid, Barcellona, Manchester City, Manchester United, Liverpool, Chelsea, Arsenal e Tottenham. Per quanto riguarda le italiane sembra che ci siano dei contatti per portare anche la Roma nella competizione. Nella volontà dei fondatori della Superlega c’era l’obbiettivo di permettere ai grandi club europei di sfidarsi regolarmente nei turni infrasettimanali in modo da aumentare lo spettacolo per il pubblico e soprattutto per un grande incremento di tipo economico per le casse delle varie squadre. Tuttavia, numerose sono le polemiche e sono destinate ad aumentare nei prossimi giorni: in ambito politico sia Macron che Boris Johnson si sono manifestati contrari a questa iniziativa che ritengono dannosa per il calcio, ma le critiche più importanti vengono dalla UEFA, dalla FIFA e dalla maggior parte delle leghe e federazioni che promettono guerra a questo progetto che ha, a tutti gli effetti, come fine primario l’interesse dei pochi. Contrari alla Superlega non ci sono solo enti, federazioni o politici ma anche alcuni club, in particolare quelli tedeschi e francesi che hanno preferito il bene delle loro leghe nazionali al profitto personale; perché si parla di bene delle leghe nazionali? Perché con la Superlega si va verso una trasformazione che vedrà le squadre partecipanti al torneo focalizzarsi su esso “snobbando” le altre competizioni, questa trasformazione, per avere un esempio concreto, avrebbe come modello l’NBA dove i playoff prendono tutto l’interesse delle squadre a discapito delle altre partite.

Per combattere la Superlega, in un comunicato firmato da UEFA, Federcalcio inglese, Premier League, Federcalcio spagnola, Liga, Figc e Lega Serie A, si minaccia l’esclusione delle squadre partecipanti a qualsiasi altra competizione a livello nazionale, europeo o mondiale e addirittura si sta pensando di escludere i giocatori di questi club dal rappresentare le loro nazionali negli Europei, Mondiali o Nations League. Questo porterebbe ad un mutamento che mai si era visto nel modo del calcio.

Per il momento, da una parte, le squadre della Superlega resistono e proseguono nei loro progetti sperando che queste minacce rimangano tali, dall’altra, l’opposizione continua forte nella speranza di fermare tutto, promettendo in cambio un ammodernamento delle competizioni UEFA.

Non ci resta che attendere e sperare per il meglio.

Latest Posts

Ripartiamo (o azzeriamo) scuola e università

A cura di Elio Simone La Gioia “Ripartiamo dalla scuola e dall’università!”. Queste poche parole bastano a politici ed...

Nasce la giornata nazionale degli studenti universitari

A cura di Matteo Lombardi Nasce il Comitato Promotore della prima giornata nazionale degli studenti universitari, su proposta di...

Resistenza a pubblico ufficiale in stato di ubriachezza: profili riguardanti la colpevolezza e l’esclusione della punibilità ai sensi dell’art. 131 bis c.p.

A cura di Francesca Parlangeli Il delitto di resistenza a pubblico ufficiale disciplinato ai sensi dell’art. 337 c.p. prevede...

DA NON PERDERE

Prigionieri del presente, frammenti dimenticati

A cura di Greta Di Cicco Il 20 novembre si festeggia la Giornata mondiale dei diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza....

A Question of Race

A cura di Sara Cortellessa In June of this year, while in the United States there was an...

Il Re Del Terrore

A cura di Greta Di Cicco Il prossimo 31/12/2020 è prevista l’uscita della pellicola “Diabolik”, prodotta dai Manetti Bros...

L’appuntamento più importante: un colloquio con noi stessi

A cura di Carlotta Gisonni Cari lettori, come state?Per rispondere seriamente a questa domanda, vi chiedo ancora, vi siete fermati...

Gigi Proietti

A cura di Greta Di Cicco Una lunghissima carriera, partita come si faceva una volta: da una dura gavetta,...