ultimi articoli

Quanto (si) dipende da Facebook, Instagram e Whatsapp?

Quanto le nostre vite sono strettamente legate alle applicazioni di Facebook? Alcuni fino al 5 ottobre avrebbero detto poco, ma dopo il...

UNA CENSURA DA SCANDALO

“La scuola cattolica” di Stefano Mordini, film tratto dall’omonimo romanzo di Edoardo Albinati, al cinema da oggi, 7 ottobre, è stato vietato...

Modificare il nostro linguaggio rendendolo più inclusivo, aiuterebbe la società ad aprirsi?

È ormai usuale, da parte di chi risponderebbe sì a questa domanda, usare, nello scritto, l’asterisco al posto...

CAMBIA L’AMMINISTRAZIONE MA NON LA MINESTRA: cosa sta succedendo tra Messico e Stati Uniti

A cura di Alessandro Colletta Negli ultimi mesi, a causa di fattori come il Covid-19, la crisi climatica e...

AMORE E PSICHE OGGI: L’OGGETTIVIZZAZIONE DELLA PERSONA UMANA.

A cura di Francesco Ferrari

Quante volte avete sentito elencare le caratteristiche di una persona come se fossero gli optional di un’automobile?

Quante volte, maschi o femmine, di fronte a un profilo Instagram vi hanno parlato della persona per cui avevano interesse elencando altezza, stazza corporea, linee del viso o anche solo di interessi sulla carta, prestazioni intellettuali, ruoli nella società, posizioni in gerarchie del tipo più svariato?

È una tendenza in atto da molto tempo, ma nel mondo di oggi può essere che vi accada più o meno tutti i giorni.

Intendiamoci, la “descrizione” di chi è oggetto dei nostri sentimenti è cosa propria dell’Uomo sin dall’alba dei tempi, semplicemente per un motivo: chi provava amore o attrazione per qualcuno ha sempre cercato di giustificare quel laccio irrazionale che lo stringe all’altro e di individuare, quindi, gli strumenti con cui la natura o la sua mente lo avevano spinto ad accettare la persona nel suo insieme, trasformandola in una calamita per i suoi pensieri.

Quello che è nuovo al giorno d’oggi è che, esattamente come non riusciamo, spesso, a dare valore agli oggetti se non mediante un prezzo o valutazioni numeriche, pensiamo che anche le persone possano essere valutate oggettivamente. Ecco che così il processo è invertito: si parte dal valutare la descrizione “oggettiva”, magari sfogliando uno dei “cataloghi social” (che hanno sostituito per molti la folgorazione dal vivo come metodo di scelta) e poi ci si illude di poterne trarre l’attrazione irrazionale, che invece è per sua natura inaspettata, soggettiva, indescrivibile, impronunciabile. Sveliamo un mistero: a volte funziona, ma il più delle volte no. Spesso quando si crede funzioni è perché non si sa davvero cosa sia l’amore.

Quello che questa “quantificazione” della persona genera sono moltissimi effetti distorti, tutti effetti e meccanismi che nessuno ammetterebbe mai coscientemente di avere applicato: primo fra tutti il trasferimento del metodo “quantitativo” nel rapporto tra i due amanti.

Così nasce la ricerca del partner-trofeo (perché “se lui/lei vale 100 e sta con me allora valgo almeno 100 anche io”), così nascono la sfiducia (“devo accontentarmi del rapporto che ho con lei/lui perché mi pare valga 100 e  già a me pare di valere 80”), la pietà (“vale 80, io valgo 100 e siccome ormai mi sono un po’ affezionato non la/o lascio per non umiliarla/o”), oppure così nascono i rapporti di orgoglio fatti di ripicche come se ci fosse da recuperare punti ai rigori, o ancora il più tragico “agonismo amoroso”, che spinge soprattutto le persone insicure e incapaci di “valutarsi” a forzare le situazioni per ottenere a ogni costo la “patente” di aver conquistato questa o quella persona.

Tutto questo non c’entra niente con la razionalità “buona”, che non dovrebbe mai mancare nel farci capire quando la parte irrazionale diventa patologica, tossica o tale da invadere ogni altro aspetto della vita.

Tutto questo fa sì che la matematica delle situazioni spesso ci confonda, ci faccia dimenticare che vale la pena di spendersi a vicenda l’uno per l’altro solo se, al di là di tutto e oltre ogni valutazione razionale e oggettiva di valore o di convenienza esiste un carisma reciproco, un flusso di intenti che ci spinge a cercare sempre più vicinanza e fusione con chi abbiamo al nostro fianco.

In sostanza: anche la principessa Diana può essere lasciata per una più mediocre e meno avvenente e nessuno sa per quale motivo, ma l’importate -per l’amore- è che lo sappiano Carlo e Camilla.

Latest Posts

Quanto (si) dipende da Facebook, Instagram e Whatsapp?

Quanto le nostre vite sono strettamente legate alle applicazioni di Facebook? Alcuni fino al 5 ottobre avrebbero detto poco, ma dopo il...

UNA CENSURA DA SCANDALO

“La scuola cattolica” di Stefano Mordini, film tratto dall’omonimo romanzo di Edoardo Albinati, al cinema da oggi, 7 ottobre, è stato vietato...

Modificare il nostro linguaggio rendendolo più inclusivo, aiuterebbe la società ad aprirsi?

È ormai usuale, da parte di chi risponderebbe sì a questa domanda, usare, nello scritto, l’asterisco al posto...

CAMBIA L’AMMINISTRAZIONE MA NON LA MINESTRA: cosa sta succedendo tra Messico e Stati Uniti

A cura di Alessandro Colletta Negli ultimi mesi, a causa di fattori come il Covid-19, la crisi climatica e...

DA NON PERDERE

POLVERE DI VITE E DI OSSA

A cura di Greta Di Cicco Ci sono stati momenti della storia in cui è stato difficile credere negli...

Steve Jobs: come un insegnante può salvarti la vita

A cura di Elio Simone La Gioia Il punto di partenza di una storia è sempre un nome e...

Colui che rese i battiti, melodie

A cura di Greta Di Cicco 16 dicembre 1770. Esattamente 270 anni fa nasceva Ludwig Van Beethoven. Sin da...

Brexit: a che punto siamo?

A cura di Daniele Santaroni Alle 00.00 del 31 gennaio 2020 a Bruxelles, nell’aula del Parlamento Europeo, è andato...

“Milangate” and the question about financial transparency in football: is Elliot really AC Milan’s owner?

A cura di Francesco Saverio Miliani Eighteen National Championships, seven Champions’ Leagues, five National...