ultimi articoli

AMORE E PSICHE OGGI: L’OGGETTIVIZZAZIONE DELLA PERSONA UMANA.

A cura di Francesco Ferrari Quante volte avete sentito elencare le caratteristiche di una persona come se fossero gli...

ISRAELE E PALESTINA: UNA FERITA CHE NON SI RIMARGINA

Vorrei fare una premessa a questo articolo: è inevitabile essere di parte quando si riconosce chi è l’oppresso e chi l’oppressore. Mi...

Beppe Grillo e il victim blaming

A cura di Ludovica Lasconi e Alessandro Colletta “Victim-blaming e cultura dello stupro sono superficialmente considerate l’ennesima scusa utilizzata...

L’esilio: Lo sradicamento nella letteratura, nella storia e nella modernità

Il sentimento di amore verso la propria patria è sempre stato oggetto di nobili ideali. Cosa sarebbe l’uomo senza il senso di...

AMORE E PSICHE OGGI: L’OGGETTIVIZZAZIONE DELLA PERSONA UMANA.

A cura di Francesco Ferrari

Quante volte avete sentito elencare le caratteristiche di una persona come se fossero gli optional di un’automobile?

Quante volte, maschi o femmine, di fronte a un profilo Instagram vi hanno parlato della persona per cui avevano interesse elencando altezza, stazza corporea, linee del viso o anche solo di interessi sulla carta, prestazioni intellettuali, ruoli nella società, posizioni in gerarchie del tipo più svariato?

È una tendenza in atto da molto tempo, ma nel mondo di oggi può essere che vi accada più o meno tutti i giorni.

Intendiamoci, la “descrizione” di chi è oggetto dei nostri sentimenti è cosa propria dell’Uomo sin dall’alba dei tempi, semplicemente per un motivo: chi provava amore o attrazione per qualcuno ha sempre cercato di giustificare quel laccio irrazionale che lo stringe all’altro e di individuare, quindi, gli strumenti con cui la natura o la sua mente lo avevano spinto ad accettare la persona nel suo insieme, trasformandola in una calamita per i suoi pensieri.

Quello che è nuovo al giorno d’oggi è che, esattamente come non riusciamo, spesso, a dare valore agli oggetti se non mediante un prezzo o valutazioni numeriche, pensiamo che anche le persone possano essere valutate oggettivamente. Ecco che così il processo è invertito: si parte dal valutare la descrizione “oggettiva”, magari sfogliando uno dei “cataloghi social” (che hanno sostituito per molti la folgorazione dal vivo come metodo di scelta) e poi ci si illude di poterne trarre l’attrazione irrazionale, che invece è per sua natura inaspettata, soggettiva, indescrivibile, impronunciabile. Sveliamo un mistero: a volte funziona, ma il più delle volte no. Spesso quando si crede funzioni è perché non si sa davvero cosa sia l’amore.

Quello che questa “quantificazione” della persona genera sono moltissimi effetti distorti, tutti effetti e meccanismi che nessuno ammetterebbe mai coscientemente di avere applicato: primo fra tutti il trasferimento del metodo “quantitativo” nel rapporto tra i due amanti.

Così nasce la ricerca del partner-trofeo (perché “se lui/lei vale 100 e sta con me allora valgo almeno 100 anche io”), così nascono la sfiducia (“devo accontentarmi del rapporto che ho con lei/lui perché mi pare valga 100 e  già a me pare di valere 80”), la pietà (“vale 80, io valgo 100 e siccome ormai mi sono un po’ affezionato non la/o lascio per non umiliarla/o”), oppure così nascono i rapporti di orgoglio fatti di ripicche come se ci fosse da recuperare punti ai rigori, o ancora il più tragico “agonismo amoroso”, che spinge soprattutto le persone insicure e incapaci di “valutarsi” a forzare le situazioni per ottenere a ogni costo la “patente” di aver conquistato questa o quella persona.

Tutto questo non c’entra niente con la razionalità “buona”, che non dovrebbe mai mancare nel farci capire quando la parte irrazionale diventa patologica, tossica o tale da invadere ogni altro aspetto della vita.

Tutto questo fa sì che la matematica delle situazioni spesso ci confonda, ci faccia dimenticare che vale la pena di spendersi a vicenda l’uno per l’altro solo se, al di là di tutto e oltre ogni valutazione razionale e oggettiva di valore o di convenienza esiste un carisma reciproco, un flusso di intenti che ci spinge a cercare sempre più vicinanza e fusione con chi abbiamo al nostro fianco.

In sostanza: anche la principessa Diana può essere lasciata per una più mediocre e meno avvenente e nessuno sa per quale motivo, ma l’importate -per l’amore- è che lo sappiano Carlo e Camilla.

Latest Posts

AMORE E PSICHE OGGI: L’OGGETTIVIZZAZIONE DELLA PERSONA UMANA.

A cura di Francesco Ferrari Quante volte avete sentito elencare le caratteristiche di una persona come se fossero gli...

ISRAELE E PALESTINA: UNA FERITA CHE NON SI RIMARGINA

Vorrei fare una premessa a questo articolo: è inevitabile essere di parte quando si riconosce chi è l’oppresso e chi l’oppressore. Mi...

Beppe Grillo e il victim blaming

A cura di Ludovica Lasconi e Alessandro Colletta “Victim-blaming e cultura dello stupro sono superficialmente considerate l’ennesima scusa utilizzata...

L’esilio: Lo sradicamento nella letteratura, nella storia e nella modernità

Il sentimento di amore verso la propria patria è sempre stato oggetto di nobili ideali. Cosa sarebbe l’uomo senza il senso di...

DA NON PERDERE

Non donna di provincie, ma…

L’Italia ancora una volta si ritrova divisa. Una divisione profonda e netta tra governo e cittadini, tra negazionisti e chi invece sostiene l’esistenza del virus, tra chi protesta in piazza e chi invece, guarda dall’alto dei balconi, tra chi è a favore dei nuovi decreti-legge e chi, invece, si vede sottratta la propria libertà ed il proprio lavoro.

91 volte Hamilton

A cura di Valerio Francesco Silenzi Lewis Hamilton entra di nuovo nella storia. Vincendo...

Aosta: Il giuramento di Ippocrate oltre la legislazione

A cura di Sara Cortellesa È successo ad Aosta, precisamente nell'ospedale Parini: Gianluca Iob medico-chirurgo...

L’alba di un nuovo Medio Oriente: gli Accordi di Abramo e la voce dell’Arabia Saudita

A cura di Federico Esposito "Enorme svolta oggi! Storico accordo di pace tra due...

Libano: il fallimento di uno stato

A cura di Asia Palla e Fabiana Masala La notte del 17 Ottobre 2019,...